BUONA EPIFANIA CON I MACACHI DI ALBISOLA. Mostra aperta fino domenica 7 gennaio

Estratto dall’articolo I Macachi di Albisola. 200 anni di storia scritto per il n.6 del 9 dicembre 2017 del settimanale Bassano Week 

<<In Liguria la tradizione dei presepi è plurisecolare, affondando le proprie radici nel Cinquecento, quando erano Genova e Savona i principali centri produttivi e i materiali utilizzati, il legno e la pietra. In seguito, dopo l’età barocca caratterizzata da opere sfarzose e teatrali, nel Settecento si diffusero i presepi «borghesi e popolari». Fu allora, più di preciso tra fine Sette – inizi Ottocento che le Albisole con le loro terre argillose, divennero centro produttivo importante e portatore di una propria cultura. Motore ne furono le donne, fossero esse madri, nonne, figlie, le quali divennero famose con il nome di “figurinaie”. Raschiando letteralmente la terra e cuocendola poi attorno ai 900 per, infine, colorarla a freddo, le figurinaie realizzavano queste umili statuine di massimo 12 cm di altezza dedicate alla Sacra Famiglia, ma anche a compaesani e personaggi popolai come Gelindo e Gelinda o il generoso Circia.>>

 

Particolare con alcune figurine del presepio.

 

In copertina alcuni organizzatori e rappresentanti del Comune di Bassano durante l’inaugurazione.

DAVID ROSAND, Jacopo dal Ponte detto Bassano

Da: Presentazione in; M. MURARO, Il libro secondo di Francesco e Jacopo Dal Ponte; Bassano 1992, p. I

«Muraro, nato a Sossano Veneto, aveva trovato in Jacopo dal Ponte un artista e un’arte che lo riportavano alle sue origini, alla Terraferma del Veneto: un mondo lontano dalla civiltà del Dominio, un paese un po’ reale e un po’ sognato ove la religione e la vita sociale si armonizzavano con semplicità e il concreto rapporto con la natura portava sempre con sé un significato spirituale.
“Un epoca atea e antinatura come la nostra ha dall’arte di Bassano la rivelazione, la testimonianza di un momento storico e di un territorio ove tutto era inquadrato, interpretato e vissuto in chiave religiosa”.
Negli ultimi mesi della sua vita, mentre stava preparando la pubblicazione del Libro secondo, Muraro parlava spesso della sua volontà di interpretare questo pittore di provincia eppure tanto di genio da aver trovato un suo spazio nella Venezia di Tiziano. Muraro parlava come storico dell’arte, ma anche come un uomo della sua terra, con una voce a un tempo professionale e personale, quasi autobiografica, e questa tensione sembrava riflettere in certo qual modo la situazione dello stesso pittore, che anche nel mondo ufficiale della capitale non aveva rinnegato la semplicità del suo paese».

In copertina
Jacopo dal Ponte, Riposo nella fuga in Egitto, 1547 ca., olio su tela, 118 x 158 cm. Milano, Pinacoteca Ambrosiana.

SAGRA MADONNA DELLA CONSOLAZIONE. Alcuni scatti con Mi.Ra Bijoux

 

Ecco alcune foto scattate con l’amica Rachele Michielin venerdì 8 settembre durante il mercatino
“artistico” (erano esposti capi d’abbigliamento originali, ceramiche, bigiotteria con materiali di recupero e molto altro), organizzato presso la sagra Madonna della Consolazione (Angarano, Bassano del Grappa).
Assieme a noi il diacono Antonio dalla Pellegrina, vera anima dell’evento, persona dal grande cuore che dà sempre tutto sé stesso per la comunità di Angarano, e affinché questa festa sia ogni anno occasione, innanzitutto, per stare assieme, ringraziare per ciò che abbiamo e coinvolgere moltissimi giovani in varie attività (servizio ai tavoli, gestione angolo bimbi, allestimenti…) che trasmettono i valori del servizio e della comunità. La devozione verso la Madonna della Consolazione ad Angarano ha una lunga storia che risale al 1689, quando era nota come Madonna della Cintura (vi era una confraternita omonima),dicitura derivata da una leggenda inerente Monica, la madre di sant’Agostino cui sarebbe apparsa in sogno Maria, per consolarla della dissolutezza del figlio. Nel Novecento il nome cambiò per l’appunto in Madonna della Consolazione, a seguito della Grande Guerra, e si legò alla pregevole statua lignea con Maria che tiene il Bambino eseguita da Romano Cremasco (Santorso 1870 – Schio 1943), il quale non mancò, comunque, d’inserire come attributo iconografico la cintura, in segno di continuità di questa solennità che cade nelle prime settimane di settembre.
Ci ha fatto molto piacere aderire nel nostro piccolo all’iniziativa, e speriamo che dopo questo primo “esperimento”
il gruppo organizzatore possa continuare e crescere, perché “il Bello ha mille volti e può celarsi anche nelle piccole creazioni artistiche oltre che nei capolavori, ma, soprattutto, il Bello si può scoprire nelle relazioni umane più autentiche”.

 

BUON FERRAGOSTO DA LO!

Anonimo veneziano, del XVI secolo, Allegoria dell’estate, 94 x 142 cm. Collezione privata.

 

BUON FERRAGOSTO DA LO!
Auguro a tutti voi un buon ferragosto e buone vacanze. Il caffè artistico di Lo tornerà con nuovi articoli, approfondimenti, curiosità e tantissime “sorprese”  ai primi di settembre!

***IL CAFFÈ ARTISTICO DI LO PER IL SOCIALE***
– Il 9 e 10  settembre saremo alla sagra della Ss. Trinità di Bassano. Parte del ricavato dalle vendite del libro andrà alla missione in Mozambico cui partecipa la Diocesi di Vicenza e dove opera da alcuni mesi l’amico don Davide Vivian. Si tratta di realtà ancora molto povera, colpita duramente dalla fame, dalla corruzione e dall’Aids , cui vogliamo dare il nostro piccolo contributo.
– A ottobre, invece, saremo a Valrovina (Bassano) e parte del ricavato dalle vendite del libro questa volta andrà agli amici della Scuola dell’Infanzia Beato Lorenzino di Valrovina, una piccola ma bellissima realtà locale dedicata ai più piccoli.

L’arte è il “lusso” più bello al mondo, ma quando diventa solidale acquista un valore ancora più grande!

#SsTrinità #Angarano #BassanodelGrappa  #ScuoladellinfanziaBeatoLorenzino #Valrovina #artesolidale #MadonnadellaConsolazione  #CaffèartisticodiLo

 

RIFERIMENTI IN RETE

http://www.vicenza.chiesacattolica.it/pls/vicenza/v3_s2ew_consultazione.mostra_pagina?id_pagina=5215

https://www.facebook.com/Sagra-SS-Trinit%C3%A0-di-Angarano-Festa-Madonna-della-Consolazione-1531122437100598/

http://scuolainfanziavalrovina.it/index.php/contatti