BUONA EPIFANIA CON I MACACHI DI ALBISOLA. Mostra aperta fino domenica 7 gennaio

Estratto dall’articolo I Macachi di Albisola. 200 anni di storia scritto per il n.6 del 9 dicembre 2017 del settimanale Bassano Week 

<<In Liguria la tradizione dei presepi è plurisecolare, affondando le proprie radici nel Cinquecento, quando erano Genova e Savona i principali centri produttivi e i materiali utilizzati, il legno e la pietra. In seguito, dopo l’età barocca caratterizzata da opere sfarzose e teatrali, nel Settecento si diffusero i presepi «borghesi e popolari». Fu allora, più di preciso tra fine Sette – inizi Ottocento che le Albisole con le loro terre argillose, divennero centro produttivo importante e portatore di una propria cultura. Motore ne furono le donne, fossero esse madri, nonne, figlie, le quali divennero famose con il nome di “figurinaie”. Raschiando letteralmente la terra e cuocendola poi attorno ai 900 per, infine, colorarla a freddo, le figurinaie realizzavano queste umili statuine di massimo 12 cm di altezza dedicate alla Sacra Famiglia, ma anche a compaesani e personaggi popolai come Gelindo e Gelinda o il generoso Circia.>>

 

Particolare con alcune figurine del presepio.

 

In copertina alcuni organizzatori e rappresentanti del Comune di Bassano durante l’inaugurazione.