CON GLI OCCHI DI ROBERT CAPA

Estratto dall’articolo La guerra raccontata attraverso Robert Capa (in foto) scritto per il n.2 dell’11 novembre 2017 del settimanale Bassano Week .

 

Al Museo Civico di Bassano fino al 22 gennaio 2018 è celebrato il grande fotografo di origini ungheresi.

<<…Sono esposte poi, opere meno famose forse, ma che toccano ugualmente le nostre coscienze, mostrando il lato peggiore dell’umanità: quella che a guerra finita faceva sfilare una donna rasata con il proprio neonato in braccio per le strade di Chartres (18 agosto 1944), schernita dalla folla per la relazione avuta con un tedesco. Chiude il percorso una selezione più intima, dedicata alle amicizie nel mondo della cultura (tra cui Picasso, Matisse, Hemingway, Ingrid Bergman e John Houston), dove scopriamo un Robert Capa sempre innamorato della vita, nonostante le atrocità viste e la mai colmata perdita di Gerda.>>

 

In copertina:
Robert Capa, Motociclisti e una donna percorrono la strada da Nam Dinh a Thai Binh, Vietnam, 25 maggio 1954.

 

Un’interessante analisi sulla discussa foto Morte di un miliziano lealista